Negli ambienti lavorativi dove vi sono grosse quantità di polveri nell’aria, indipendentemente dal tipo di polvere, la soluzione ottimale per la prefiltrazione è il ciclone decantatore.

I filtri possono avere l’estrazione cartucce superiore oppure laterale: nel primo caso si accede al gruppo filtri tramite i coperchi pedonabili, i quali permettono di attuare le operazioni di manutenzione e di sostituzione delle cartucce nella maniera più facile; invece nella versione laterale si accede al gruppo filtri tramite una porta incernierata e a tenuta, e quindi si interviene per la manutenzione ed estrazione delle cartucce.

I filtri sono realizzati con lamiere di diverso tipo, verniciate interamente o solo esternamente, e a richiesta con trattamento anticorrosione.

I vantaggi del ciclone sono :

– elevata efficienza sulle polveri grossolane

– manutenzione ridotta e semplificata, anche nel recupero delle polveri

– ingombro contenuto

– bassi costi di utilizzo

– lavora a qualsiasi temperatura, anche con fumi umidi.

I cicloni, che non utilizzano organi in movimento, permettono l’ottimale separazione delle particelle inquinanti.

Nel dettaglio, i gas e le polveri passano in due cilindri, e i gas escono dal cilindro interno, mentre le polveri sbattono contro il cilindro esterno e cadono sul fondo dell’impianto, dove una tramoggia recupera le polveri utili per una susseguente fase.

Quindi il ciclone è una struttura cilindrica con una bocca per l’entrata dei gas ed una per l’uscita, e può trattare polveri più o meno grossolane a seconda del suo diametro.